Condividi |


L’avaro

1996-97

Locandina - L'avaro

autore : Molière
traduzione : Giorgio Strehler, Patrizia Valduga
regia : Lamberto Puggelli
scene : Luciano Damiani
costumi : Luciano Damiani
musiche : Fiorenzo Carpi

interpreti principali : Alessio Boni, Paolo Calabresi, Sante Calogero, Ettore Conti, Giancarlo Dettori, Pia Lanciotti, Laura Pasetti, Ottavia Piccolo, Tommaso Ragno, Paolo Villaggio

Dentro una grande stanza-forziere inventata da Luciano Damiani che troneggia sul palcoscenico del Teatro Lirico si rappresenta L’avaro con Paolo Villaggio, attore che ha creato alcune fra le «maschere» più folli, più trucide, della nostra quotidianità.
Era questa accoppiata Molière-Villaggio, del resto, l’idea vincente di Strehler, che aveva iniziato a lavorare su questo testo, ma, dopo le sue dimissioni, la regia puntuale e ricca di spunti, l’ha firmata Lamberto Puggelli.
Si ride molto in questo Avaro che vede Villaggio scendere in mezzo al pubblico alla ricerca della cassetta che è tutta la sua vita. Accanto a Villaggio una compagnia che funziona dai bravissimi Ottavia Piccolo, Giancarlo Dettori, Ettore Conti fino ai più giovani Tommaso Ragno, Alessio Boni, Pia Lanciotti, Laura Pasetti.

Maria Grazia Gregori
(“L’Unità” - 9 febbraio 1997)

Informazioni e immagini sono tratte da: http://archivio.piccoloteatro.org/

linea-2
Tommaso Ragno - “L’avaro”

foto di Luigi Ciminaghi
Le immagini sono riprodotte a norma dell’art. 70 della L. 633/1941 e successive modifiche.